Lo “Spirito delle leggi”

< lo spirito commerciale reca con se lo spirito della frugalita’, dell’economia, della moderazione, del lavoro, della saggezza, della tranquillità, del metodo. Così finché dura uno spirito siffatto, le ricchezze ch’esso produce non danno effetti cattivi. Il male sopravviene quando l’eccesso della ricchezza uccide lo spirito commerciale; allora noi vediamo nascere all’improvviso i disordini dell’ineguaglianza. >

Montesquieu, 1748.

Un pensiero consapevole..

Nelle grandi imprese, il management tende a diventare impersonale.

L’enorme aggregazione di capitali nelle grandi imprese implica che il numero di chi detiene i titoli azionari è elevato. Questi investitori sono per lo più dispersi.

La dirigenza acquista una sorta di diritto di proprietà feudale in virtù della dipendenza assoluta che gli azionisti hanno nei suoi confronti.

Non vi è alcun dubbio che vi sia una relazione diretta tra il lassismo morale negli affari e la dimensione delle imprese. Imperi così vasti da sfidare la capacità di comprensione profonda di qualsiasi essere umano tendono a diventare giocattoli per il raggiro.

 

William O. Douglas, 1940, ex presidente Sec, poi giudice della corte suprema statunitense.

Frasi celebri.

Se gli (animal spirits) si estinguono, e se l’ottimismo spontaneo scompare, lasciandoci dipendere soltanto da una speranza matematica, l’intrapendenza illanguidisce e muore; anche se il timore di una perdita può non avere una base più ragionevole di quella che aveva prima la speranza di profitto.

JOHN MAYNARD KEYNES, 1934.

Ospiti importanti.

È un piacere dedicare uno spazio nella prima pagina del mio sito ad un ufficio così grande come lo Studio Cataldi.

Cliccando su parole di colore blu si apre la pagina relativa all’argomento.

Spesso sono decisioni della cassazione, queste non sono vincolanti per il giudice ordinario, ma sono sicuramente un orientamento giurisprudenziale dal quale difficilmente si può restare indifferenti.

Obbiettivo comune di questo sito, è la diffusione di notizie sia giuriche che economiche.

Una sorta di democrazia dell’informazione, libera da influenze partitiche.

Cronaca di una crisi annunciata.

Dal 2001 al 2007  negli US la propensione al consumo era più che raddoppiata. La tendenza individuale al risparmio era scesa a meno dell’1%. Le carte di credito erano in media di 5 per ogni persona. In confronto, in Cina la propensione al risparmio individuale nello stesso periodo era del 25%. Le carte di credito.. 1 ogni 33 persone ! Nel 2007 il prezzo delle case negli Stati Uniti improvvisamente crollò, il mercato immobiliare si blocca, i propietari non riescono a pagare i  mutui..    , tutto il mondo ancora ne sta pagando le conseguenze.

Le obbligazioni indicizzate all’inflazione sono state inventate nel diciottesimo secolo, ma solo dopo la metà del ventesimo secolo si sono avute le prime emissioni. Tuttora i risparmiatori non sembrano interessati a sostituire i loro investimenti  reddito fisso, con altri che garantiscano dall’erosione del tempo.

Altri mondi. Un significativo risarcimento danni !

Il Financial Times avvisa che più di 200.000 clienti della HSBC, riceveranno un risarcimento per la scarsa chiarezza e trasparenza nella loro informativa per alcuni investimenti. Questo, anche se il cliente, non ha, in questo momento, investimenti in corso.

“More than 200,000 HSBC customers could be in line for compensation after receiving unsuitable investment advice in the bank’s UK branches.

The global bank announced this week that it was putting aside $149m (£93m) to look into unsuitable investment advice provided over five years. HSBC chief executive Stuart Gulliver said that most of the money would pay for a review of advised sales by Grant Thornton. About £18m is earmarked to compensate affected customers.”