Nuove frontiere per il marketing degli studi legali

<a href=”http://www.studiocataldi.it/news_giuridiche_asp/news_giuridica_14880.asp&#8221; target=”_blank”>Nuove frontiere per il marketing degli studi legali</a>

Dr. Luigi Vitale – Sempre più spesso capita di imbattersi in pubblicità, anche televisive, in cui vengono offerti servizi di assistenza legale soprattutto nell’ambito della responsabilità civile automobilistica o della re …
<br>Fonte: <a href=”http://www.studiocataldi.it&#8221; target=”_blank”>Studiocataldi.it</a>
<br>Url: <a href=”http://www.studiocataldi.it/news_giuridiche_asp/news_giuridica_14880.asp&#8221; target=”_blank”><i>http://www.studiocataldi.it/news_giuridiche_asp/news_giuridica_14880.asp</i></a&gt;

Nel mondo ci sono 85 uomini d’oro in tasca la ricchezza di metà popolazione.

Triskel182

La ricchezza mondiale

Hanno il reddito di 3,5 miliardi di abitanti. In Italia Ferrero, Prada e Del Vecchio.

LONDRA— Immaginate una bilancia: su un piatto ci sono ottantacinque persone, sull’altro ce ne sono tre miliardi e mezzo, ma l’ago è in perfetto equilibrio. E’ la metafora con cui l’Oxfam, una della più importanti associazioni di beneficenza internazionali, misura il gap ricchi-poveri sul nostro pianeta: 85 miliardari possiedono 1.200 miliardi di euro, l’equivalente di quanto detenuto da metà della popolazione terrestre. Se fosse un film, bisognerebbe intitolarlo “La Grande Diseguaglianza”. La stima fa parte di un rapporto pubblicato alla vigilia del World Economic Forum di Davos per dimostrare come l’estrema disparità tra ricchi e poveri rappresenti non solo un’ingiustizia dal punto di vista morale, ma una minaccia per la democrazia e la stabilità sociale.

View original post 478 altre parole

I conti in tasca al jobs act di Renzi

Keynes blog

tumblr_inline_mzhzspWcvZ1swzyy4

Per dare davvero un assegno a tutti quelli che hanno perso il lavoro servono almeno 18 miliardi. Dove trovarli, se non si vuole aprire la guerra per una redistribuzione tra poveri?

di Nicolò Cavalli da Thinking Pagina 99

View original post 1.753 altre parole

Ecco come Merkel e Draghi cuociono l’Italia e gli altri PIIGS

Una spietata analisi.

Keynes blog

italia-euro-draghi-merkel-770x385

di Guido Iodice, pubblicato su Giornalettismo (10.1.2013)

La BCE «userà tutti gli strumenti a sua disposizione contro la deflazione». Così si è espresso Mario Draghi giovedì scorso nella conferenza stampa seguita alla riunione del board della Banca Centrale Europea. Una dichiarazione che ricalca da vicino il famoso «preserveremo l’euro con ogni mezzo necessario» pronunciato  il 26 luglio 2012. Da quel giorno gli spread dei paesi periferici dell’area euro (cioè la differenza tra gli interessi pagati sui titoli di stato rispetto a quelli pagati dal governo tedesco sui propri) si stanno riducendo costantemente. Il nostro paese è da alcuni giorni sotto quota 200 punti base (2% di differenza con gli interessi dei Bund decennali). 

View original post 867 altre parole

QUOTE BANKITALIA, ULTIMO TENTATIVO PER FERMARE IL REGALO ALLE BANCHE (Stefano Feltri).

Una questione molto importante, una completa deregulation ci aiuterà a precipitare

Triskel182

Banca D'ItaliaM5S E UN PEZZO DI PD VOGLIONO PROVARE A BLOCCARE LA NORMA ALLA CAMERA.

Dopo giorni di voci sulle sue dimissioni, un indebolito Fabrizio Saccomanni si presenterà oggi in audizione presso la commissione Finanze a difendere una delle misure più contestate del governo Letta: la rivalutazione delle quote di Banca d’Italia, cioè un regalo alle banche italiane che vale miliardi di euro e che consegna per sempre il controllo dell’ente di vigilanza ai suoi vigilati. Il Movimento Cinque Stelle prepara l’assalto, il passaggio del provvedimento alla Camera (la conversione in legge del decreto Imu, in cui è stata infilata la rivalutazione del patrimonio di Bankitalia) è l’ultima occasione di bloccare il regalo alle banche, stralciando la norma. Nell’immediato le banche accettano di farsi tassare per coprire parte dei buchi lasciati dall’abolizione dell’Imu sulla prima casa ma in cambio ottengono la promessa di benefici miliardari.  

View original post 711 altre parole

La fortuna del potere costruita sull’incuria e sull’incompetenza

Ad alcuni studiosi piace pensare che il capitalismo non sia fonte di democrazia.

Leggendo un testo di Perlingieri, grande giurista e noto costituzionalista…
<br>Fonte: <a href=”http://www.studiocataldi.it&#8221; target=”_blank”>Studiocataldi.it</a>
<br>Url: <a href=”http://www.studiocataldi.it/news_giuridiche_asp/news_giuridica_14993.asp&#8221; target=”_blank”><i>http://www.studiocataldi.it/news_giuridiche_asp/news_giuridica_14993.asp</i></a&gt;

 

Il più grande degli economisti: J.M.Keynes

Nel 1936, sette anni dopo la “Grande Depressione” Keynes pubblicò la sua “Teoria generale dell’occupazione, dell’interesse e della moneta”. Una delle equazioni fondam …
<br>Fonte: <a href=”http://www.studiocataldi.it&#8221; target=”_blank”>Studiocataldi.it</a>
<br>Url: <a href=”http://www.studiocataldi.it/news_giuridiche_asp/news_giuridica_14946.asp&#8221; target=”_blank”><i>http://www.studiocataldi.it/news_giuridiche_asp/news_giuridica_14946.asp</i></a&gt;